CASTELLINI_montebello LOW.jpg

with

Nicolò Castellini Baldissera

Portaluppi Herbarium

Scroll Down

Il Portaluppi Herbarium trae la propria fonte di ispirazione nella famosa stanza giardino dell’architetto Piero Portaluppi nella Casa degli Atellani in Corso Magenta a Milano.

La Casa degli Atellani rappresenta un pezzo emblematico della storia di Milano, si trova di fronte al Cenacolo della Basilica di Santa Maria delle Grazie ed è stata dimora quattrocentesca milanese appartenuta a Ludovico il Moro, Duca di Milano.

CASTELLINI PORTRAIT_lowres (1).jpg
erbario render originale tangeri.jpg

In questo splendido palazzo quattrocentesco l’arch. Portaluppi, massimo protagonista dell’Architettura milanese dei primi del ‘900, rappresenta nella sua opera di restauro un esempio colto di inserimento di elementi naturalistici nell’architettura dei luoghi domestici.

In collaborazione con Nicolò Castellini Baldissera, bisnipote di Portaluppi stesso, abbiamo deciso di realizzare la riproduzione della decorazione dell’ingresso della casa di famiglia per valorizzarne la bellezza nel rispetto dei dettagli pittorici..

 

Basandosi su un rilievo fotografico eseguito ad hoc abbiamo studiato, innovato e dipinto singolarmente le piante, l'erba e il tendaggio.

Ogni elemento è stato poi digitalizzato con l’obiettivo di proporre una decorazione stampata su carta da parati che fosse modulare e personalizzabile.

"Quando capita di incontrare persone creative con cui scatta una certa sinergia è una cosa bellissima. Sia per noi che possiamo mettere la nostra creatività e il nostro saper fare a servizio di un’idea, sia, credo, per i progettisti che hanno bisogno delle nostre mani per poter realizzare ciò che hanno in mente." 

Con Nicolò Castellini Baldissera abbiamo in comune una grande passione per l’estetica, per il disegno degli interni, e in particolare l’attrazione per l’estetica di Piero Portaluppi, il suo uso di certe forme, e certi dettagli.

Così è nato il progetto del Portaluppi Herbarium un progetto ha l’ambizione di promuovere e diffondere il gusto, lo stile e l’estro  proprio della creatività meneghina in particolare legato al ‘vivere nel bello’  partendo dai  grandi classici e coniugando l’esperienza artigianale all’utilizzo delle nuove tecnologie.

piero castellini.jpeg